menu

elisabetta presotto, progettista della comunicazione visiva, è esperta nella realizzazione di immagini coordinate aziendali. prima di aprire il suo studio a milano si è formata presso la scuola-bottega di a g fronzoni, lavorando poi al fianco del grande comunicatore. ha prestato la sua opera e la sua consulenza in italia e all’estero, collaborando anche con ruedi baur, bob noorda e pierluigi cerri. i suoi progetti spaziano in diversi ambiti della comunicazione: dall’immagine coordinata all’editoria, agli allestimenti, alle mostre ed eventi, alla segnaletica, al design del prodotto, al packaging, alla grafica web. il metodo progettuale che adotta, applicabile sia alle due, sia alle tre dimensioni, parte da una minuziosa analisi delle esigenze e potenzialità del cliente, per poi sviluppare – tramite una sintesi degli unici elementi essenziali per una comunicazione chiara e incisiva – un progetto esclusivo, su misura, adatto e non adattabile. il risultato è un progetto di design distintivo in cui i linguaggi e le strategie sono personalizzati per il cliente e vengono affinati costruendo un sistema di comunicazione coerente ed efficace. collaborazioni e nuove alleanze strategiche apportano, all’interno dello studio presotto, conoscenze e competenze che consentono il raggiungimento di mete e obiettivi sempre più ambiziosi. per elisabetta presotto “ogni progetto è una forma di coraggio”.

elisabetta presotto, progettista della
comunicazione visiva, è esperta nella
realizzazione di immagini coordinate aziendali.

prima di aprire il suo studio a milano
si è formata presso la scuola-bottega
di a g fronzoni, lavorando poi al fianco del
grande comunicatore. ha prestato la sua
opera e la sua consulenza in italia e all’estero,
collaborando anche con ruedi baur,
bob noorda e pierluigi cerri.

i suoi progetti spaziano in diversi ambiti della
comunicazione: dall’immagine coordinata
all’editoria, agli allestimenti, alle mostre ed
eventi, alla segnaletica, al design del prodotto,
al packaging,alla grafica web.

il metodo progettuale che adotta, applicabile
sia alle due,sia alle tre dimensioni, parte
da una minuziosa analisi delle esigenze
e potenzialità del cliente, per poi sviluppare –
tramite una sintesi degli unici elementi essenziali
per una comunicazione chiara e incisiva –
un progetto esclusivo, su misura, adatto
e non adattabile.

il risultato è un progetto di design distintivo in
cui i linguaggi e le strategie sono personalizzati
per il cliente e vengono affinati costruendo un
sistema di comunicazione coerente ed efficace.

collaborazioni e nuove alleanze strategiche
apportano, all’interno dello studio presotto,
conoscenze e competenze che consentono
il raggiungimento di mete e obiettivi sempre
più ambiziosi.

per elisabetta presotto
“ogni progetto è una forma di coraggio”.

elisabetta presotto, progettista della comunicazione visiva,
è esperta nella realizzazione di immagini coordinate aziendali.

prima di aprire il suo studio a milano si è formata presso la scuola-bottega
di a g fronzoni, lavorando poi al fianco del grande comunicatore. ha prestato
la sua opera e la sua consulenza in italia e all’estero, collaborando anche
con ruedi baur, bob noorda e pierluigi cerri.

i suoi progetti spaziano in diversi ambiti della comunicazione:
dall’immagine coordinata all’editoria, agli allestimenti, alle mostre ed eventi,
alla segnaletica, al design del prodotto, al packaging,alla grafica web.

il metodo progettuale che adotta, applicabile sia alle due,
sia alle tre dimensioni, parte da una minuziosa analisi delle esigenze e potenzialità
del cliente, per poi sviluppare – tramite una sintesi degli unici elementi essenziali
per una comunicazione chiara e incisiva – un progetto esclusivo, su misura,
adatto e non adattabile.

il risultato è un progetto di design distintivo in cui i linguaggi e le strategie
sono personalizzati per il cliente e vengono affinati costruendo un sistema
di comunicazione coerente ed efficace.

collaborazioni e nuove alleanze strategiche apportano, all’interno dello studio presotto,
conoscenze e competenze che consentono il raggiungimento di mete e obiettivi
sempre più ambiziosi.

per elisabetta presotto “ogni progetto è una forma di coraggio”.

dal 1996
ha studio a milano

2000 – 2004
consulenza
studio cerri & associati, milano

1995 – 2000
collaborazione con bob noorda
unimark international, milano

1994 – 1995
consulenza
intégral ruedi baur et associés, parigi

1991 – 1994
collaborazione con a g fronzoni, milano

1988 – 1991
studi di inscape, graphic ed exhibition design
scuola-bottega ag fronzoni, milano

1983 – 1988
studi di comunicazione visiva e design
istituto statale d’arte di monza
dove avviene l’incontro con il maestro
ag fronzoni

devo ad a g fronzoni molto di chi sono, la mia determinazione alla ricerca e alla sperimentazione, al ‘“fare quotidiano”, con la consapevolezza che il meno è il più”

la scrupolosa puntualità e la cura
dei particolari che pongo nei progetti
mi sono stati trasmessi da myrna cohen

seguire quella sottile linea tra intuito
e lampo di genio: un incoraggiamento
di pierluigi cerri che mi ha permesso di
affrontare progetti molto articolati

l’analisi dei caratteri tipografici
e l’approccio nella creazione di un marchio
o di una immagine coordinata derivano
da un consiglio datomi da bob noorda:
“una buona comunicazione
deve durare nel tempo”

“l’incontro con ruedi baur mi ha permesso
di apprezzare e comprendere ancora meglio
l’importanza della multidisciplinarietà
all’interno di un progetto”

dal 1996
ha studio a milano

2000 – 2004
consulenza
studio cerri & associati, milano

1995 – 2000
collaborazione con bob noorda
unimark international, milano

1994 – 1995
consulenza
intégral ruedi baur et associés, parigi

1991 – 1994
collaborazione con a g fronzoni, milano

1988 – 1991
studi di inscape, graphic ed exhibition design
scuola-bottega ag fronzoni, milano

1983 – 1988
studi di comunicazione visiva e design
istituto statale d’arte di monza
dove avviene l’incontro con il maestro
ag fronzoni

devo ad a g fronzoni molto di chi sono, la mia determinazione alla ricerca e alla sperimentazione, al ‘“fare quotidiano”, con la consapevolezza che il meno è il più”

la scrupolosa puntualità e la cura
dei particolari che pongo nei progetti
mi sono stati trasmessi da myrna cohen

seguire quella sottile linea tra intuito
e lampo di genio: un incoraggiamento
di pierluigi cerri che mi ha permesso di
affrontare progetti molto articolati

l’analisi dei caratteri tipografici
e l’approccio nella creazione di un marchio
o di una immagine coordinata derivano
da un consiglio datomi da bob noorda:
“una buona comunicazione
deve durare nel tempo”

“l’incontro con ruedi baur mi ha permesso
di apprezzare e comprendere ancora meglio
l’importanza della multidisciplinarietà
all’interno di un progetto”